Simpaticoterapia - A.M.O.R.E. NATURA

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Simpaticoterapia

Attività Medicina Olistica

Il "Simpatico" è un sistema organico autonomo indipendente dalla volontà, che accelera il battito del cuore, e gestisce le funzioni digestive, l'ovulazione, la respirazione, la circolazione, ecc.
Le malattie funzionali creano disturbi agli organi.
Questi disturbi, di solito, sono conseguenti ad eventi che l'individuo subisce senza controllo.

 I disturbi dello stress sono:

1)   Aumento della pressione arteriosa dovuta ad un’esagerata produzione di adrenalina glandole da parte delle ghiandole surrenali.
2)   Aumento del colesterolo nel sangue e conseguente arteriosclerosi.
3)   Aumento dell'acidità
livello del stomaco, con gastriti e ulcere stomaco-duodenale.
4)   Abbassamento delle difesi immunitarie con tilt cellulare (tipo tumore).

 La medicina cinese aveva scoperto il coinvolgimento delle emozioni sulle malattie. Oggi la medicina allopatica non riesce a risolvere i sintomi dovuti allo stress e classifica le patologie in psicho-somatiche, favorendo l'impiego d'ansiolitici e antidepressivi.
 Al contrario, la Simpaticoterapia
è la risposta ideale per trattare questi disturbi.

La Simpaticoterapia
è nata in Egitto dove i faraoni utilizzavano questa tecnica per curarsi. Più avanti, Hyppocrate adoperava le stimolazioni nasali e le manipolazioni vertebrali.
In seguito, un ginecologo tedesco, il dottore FLIESS, curava le malattie genitali con stimoli endo-nasali; il dottore BONNIER, medico ORL francese, trattava numerose malattie organiche con cauterizzazione della mucosa nasale.
Aveva capito che lo stress generava disordini a livello del sistema nervoso con conseguente insorgere di numerose patologie.

Un trattamento originale:

La Simpaticoterapia
è una riflessoterapia che stimola tutto l'organismo, da aree situate nelle fosse nasali.
Infatti, tutti organi dei sensi hanno cartografie generali che si chiamano somatotopie. Si conosco la somatotopia dell'orecchio, della pianta del piede. Quella del naso, la nasoterapia, permette di stimolare la zona chi corrisponde all'organo.
 
Si usa uno stiletto con una piccolissima pallina (oliva) in argento. È complementare all'osteopatia, naturopatia, omeopatia o alla medicina allopatica in caso di depressione, per diminuire le dosi di antidepressivi.

Come funziona:

Le fosse nasali sono ricche di fibre nervose.
1)   - sistema centrale
2)   - sistema neuro-vegetativo: grande simpatico producendo SEROTONINA
3)   - sistema orto-simpatico vertebrale va a tutti organi ed ai elementi della periferia (pelle, muscoli, vasi) per farli funzionare

Le principali indicazioni della Simpaticoterapia:

  • problemi ORL (otiti, sinusiti, laringiti, riniti, allergie …)

  • tutte patologie del sistema neurovegetativo

  • turbe sessuali (impotenza, frigidità, sterilità…)

  • affezioni endocrine (tiroiditi, amenorrea, dismenorrea, caldane)

  • problemi cardio-vascolari

  • ansia e depressione

  • difficoltà digestive (costipazione, diarrea, stipsi, dispepsia, …)

  • cefalee, emicrania

  • stress

  • insonnia

  • fatica cronica

  • enuresi (pipi a letto)

  • allergia al polline

  • anoressia e bulimia

  • Tristezza profonda

  • Le contro-indicazioni: glaucoma, infiammazioni della mucosa nasale, perdite di sangue dal naso frequenti, gravidanza, mestruazioni, crisi d’asma.


La Simpaticoterapia, come l'Auriculoterapia, permette di intervenire sull'ipofisi e sull'ipotalamo ed ha dunque un ruolo preventivo contro l'invecchiamento.

Le zone da trattare

I punti sono ripartiti sui tre cornetti o turbinati nasali:
+ superiore: per le malattie di origine nervosa
+ medio: per le malattie di origine respiratoria e circolatoria
+ inferiore: per le malattie metaboliche della riproduzione, assimilazione, eliminazione.

La tecnica:

Il metodo consiste nello stimolare i punti riflessi del sintomo da trattare, con piccole sfere in argento che si trovano all'apice di speciali stiletti sottili, che vengono fatti penetrare all'interno delle due cavità nasali, fino a raggiungere le aree interessate. L'atto, come già detto, è indolore e procura a volte una leggera lacrimazione, con sensazione di sonnolenza. Il rilassamento è immediato. Le reazioni secondarie subentrano nelle 24 h. e sono fatica, sonno, distensione.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu google-site-verification=aTID7OUHwg_nEM36_8y3cQ64l4bEIAlSAHVXPhuigCg