Lo statuto - A.M.O.R.E. NATURA

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lo statuto

L'Associazione
 
 

ART. 1 - COSTITUZIONE


di costituire a norma dell’art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000 l’Associazione di Cultura e Benessere "AMORE NATURA (Associazione Medicina Olistica Ricerca Estetica Naturale)" di seguito denominata Associazione. L’Associazione ha come Logo un cuore con una croce bianca insieme ad una spiga.

ART.2

L’associazione ha sede legale in via Chiesa Nuova, snc 04018 Sezze(LT)  

Per raggiungere i suoi fini e rispondere adeguatamente alle caratteristiche delle diverse iniziative, l’Associazione potrà esercitare la propria attività anche in luoghi diversi da quello abituale.



ART. 3 – DURATA


La durata dell'Associazione è illimitata. L'Associazione non potrà essere sciolta, se non in base alle norme del presente statuto e con specifica deliberazione dell'Assemblea Straordinaria dei soci o del Consiglio Direttivo.


ART. 4 – FINALITA’ E ATTIVITA’


L’Associazione non ha finalità di lucro; è apartitica, apolitica e non partecipa direttamente o indirettamente a sostegno di liste elettorali. E’ espressamente esclusa dagli scopi dell’Associazione la finalità di tutela esclusiva di interessi economici degli associati. Per raggiungere i suoi fini e rispondere alle esigenze del corpo sociale, l’Associazione può creare strutture proprie o utilizzare quelle esistenti sul territorio.



L'Associazione persegue le seguenti finalità:


Ricerca, studio, promozione, approfondimento, applicazione, svolgimento, divulgazione e diffusione: dell’osteopatia e posturologia, nei suoi vari aspetti e metodi;

Ricerca, studio, promozione, approfondimento, applicazione dove è consentito ai fini di legge, diffusione, divulgazione e svolgimento delle discipline naturali di qualunque luogo e cultura, le tecniche per il benessere psico-fisico, la medicina olistica e vibrazionale quantica, ovvero: omeopatia, omotossicologia, oligoterapia, litoterapia, fitoterapia, gemmo terapia, metodiche bioelettroniche, riflessologia applicata alle varie tecniche come la plantare, la facciale, la palmare, etc.; medicina tradizionale  cinese, auricoloterapia, digitopressione, tecniche cranio sacrali, kinesiologia applicata nelle sue metodiche, cromoterapia, floriterapia, spagiria, medicina popolare, yoga, agopuntura e sue varie tecniche e applicazioni come ad esempio l’addominoagopuntura, l’auricoloterapia, luxopuntura, la cromo puntura, la nutripuntura, etc,; la simpatico terapia, chiropratica, fisioterapia, digitopressione; le varie tecniche di massaggio come lo sportivo, antistress, ayurvedico, posturologico, aromaterapico, cromoterapico, Breuss etc.; aromaterapia, profumoterapia, le tecniche estetiche nei loro vari aspetti, etc.; le Discipline Bio-Naturali, Radionica e Radioestesia, BioArchitettura, Bioenergetiche, Psicosomatiche, Filosofiche, tutte le Tecniche Naturopatiche di riequilibrio bioenergetico, la Psicologia e la MorfoPsicologia, le Tecniche Estetiche Vibrazionali Olistiche, al fine di favorire il miglioramento delle condizioni di vita dell’essere umano e della sua maturazione interiore, sia nella pratica diretta ed esperienziale che negli aspetti tecnici, formativi, di studio, di ricerca e di informazione; delle conoscenze antiche, dei culti, dei rimedi naturali, dei simbolismi, della medicina popolare, delle tradizioni locali, della mitologia, in primis quella della Grecia Salentina e/o della Magna Grecia, tramandate nella cultura e/o nelle abitudini popolari nei suoi vari aspetti, nonché la conservazione e la tutela della stessa; delle dottrine filosofiche e/o mediche antiche, nonché le tecniche antiche di riequilibrio fisico ed psichico e loro applicazione, al fine di favorire il miglioramento delle condizioni di vita dell’essere umano; dei preparati a base di erbe o piante o fiori e le loro correlazioni con le dottrine filosofiche, e/o tecniche mediche antiche, e/o medicina popolare, nonché gli aspetti e metodi naturali relativi alla salvaguardia, alla coltivazione, all’estrazione del fitoterapico ed alla messa a punto di forme farmaceutiche antiche e/o naturali delle piante, dei fiori e delle erbe in genere, in particolare per quelle con proprietà medicinali già riconosciute. L’attività si potrà esplicare anche con la creazione di un orto botanico didattico – dimostrativo,  che avrà lo scopo di avvicinare gli associati,  al mondo delle piante officinali coinvolgendo anche il settore della scuola. Resta inteso che gli usi e metodi di applicazione delle già citate discipline ai punti I e II, devono essere per il riequilibrio fisico ed psichico, al fine di favorire il miglioramento delle condizioni di vita dell’essere umano e della sua maturazione interiore, e che potranno anche essere correlate tra di loro.

Promuovere una corretta prevenzione ed igiene sanitaria ed una educazione nutrizionale che orienti verso una sana alimentazione naturale anche correlata alle discipline già elencate;


Sviluppare ed approfondire la ricerca nel campo delle tecniche di meditazione, respirazione, rilassamento, di consapevolezza e quant’altro;



Sostenere la pratica di attività e tecniche idonee ad incentivare un armonico sviluppo fisico, psichico e spirituale dell'individuo in tutti i suoi campi di manifestazione e forme di vita associata;

Diffondere la cultura, le tutela e l’educazione ambientale ecologica, secondo una moderna concezione del rapporto Uomo-Natura;



Organizzare una attività didattica aperta a tutti mediante l'organizzazione di corsi, scuole, seminari, workshops e stage delle discipline e dottrine presenti nello Statuto, nonché assistere, promuovere, stimolare e sostenere, anche attraverso processi di formazione, approfondimento ed aggiornamento – dove e quando le condizioni lo permettano e senza che questo possa mai sostituirsi a terapeuti e/o altre figure professionali appositamente abilitate – progetti in ambito olistico, spirituale e di crescita della consapevolezza in generale, secondo le diverse scuole e tecniche. Pertanto, attraverso iniziative e progetti specifici, potranno essere istituiti dei percorsi culturali allo scopo di sviluppare nelle persone il desiderio di vivere in armonia e in consapevolezza, salvaguardando il proprio benessere psico-fisico;

Divulgare, organizzare e promuovere corsi e seminari nel campo dell’Estetica con metodiche di applicazioni naturali e orientali, utilizzando anche la cosmeceutica fitoterapica;



Organizzare e gestire iniziative, servizi, attività di carattere culturale, sportivo, ricreativo, artistico, naturalistico, estetica e benessere, ecologico, turistico,  atte a soddisfare le esigenze di conoscenza, di svago, di riposo e di salute dei soci e dei cittadini;

Promuovere manifestazioni di qualsiasi tipo promosse dalla stessa e/o da enti pubblici o privati, comitati e associazioni che richiedano la presenza dell’Associazione, sia a livello nazionale, europeo, che internazionale;
Incentivare scambi culturali e gemellaggi con altre associazioni;

Realizzare iniziative pubblicistiche nei settori della cultura e della didattica;



Collaborare con enti pubblici e privati, associazioni culturali, sportive, con consorzi, cooperative che perseguono scopi e finalità affini, ed aderire ad organismi nazionali e internazionali che abbiano similari obiettivi;

Organizzare Conferenze, Convegni, Dibattiti, Seminari, Corsi, Mostre scientifiche, Incontri di Aggiornamento ed Informazione (individuali o di gruppo) su argomenti di pertinenza istituzionale anche con Crediti Formativi ed ECM;

Svolgere attività divulgativa attraverso la gestione in proprio di: pubblicazioni editoriali, di circolari informative, di un bollettino, di una rivista, di atti di convegni, di seminari, di propri lavori editoriali, nonché degli studi e delle ricerche compiute, che saranno distribuiti agli associati, su base cartacea o mediante supporti audio-visivi (CD, DVD), o attraverso la diffusione via Internet (e-mail, newsletters, e-book, audio mp3, mp4, ed altri file audio-visivi, ecc.);

Gestire un proprio Blog e/o un sito Web su Internet, promuovendo le proprie finalità e quelle degli associati anche con e-commerce; Creare e gestire siti web e/o Blog anche con e-commerce per gli associati che ne facciano richiesta.



Istituire una biblioteca ad uso interno degli associati, per usufruire gratuitamente della lettura di libri, riviste, giornali e effettuare proiezioni di film, audio-visivi e documenti culturali, ascolto e/o  visione di e-book audio/video, mp3, mp4, filmati autoprodotti e non, e quant’altro prodotto dall’associazione, da condividere con gli associati via Internet o su supporto rigido;

Istituire rapporti di collaborazione con Operatori qualificati, Professionisti, Enti privati e pubblici, scuole private e pubbliche, per la prestazione agevolata di servizi ai propri Associati e per eventuali scambi culturali, nonché stipulare convenzioni anche economici, con organismi e società, per poter usufruire di vantaggi e sconti nell’approvvigionamento di beni, da loro prodotti e/o distribuiti, o nell’acquisizione di servizi da loro offerti (rimedi di produzione naturale, prodotti biologici, fitoterapici, spagirici, alchemici, floriterapici, vibrazionali, libri, riviste, viaggi, assicurazione etica, conto bancario etico, elettrodomestici ecologici, strumenti per il risparmio di consumi energetici, etc.);



Istituire un Albo dei Naturopati, degli Operatori del Benessere che applichino la Medicina Naturale in ogni suo aspetto senza interferire con la pratica medica, e che possa tutelarli nei diritti e interessi; istituire un Comitato Scientifico che dia indicazioni, pareri e criteri generali  e che operi nelle aree di interesse del presente statuto.

Realizzare la promozione di acquisti collettivi da terzi organizzando e gestendo la relativa fruizione esclusivamente fra gli associati (Gruppo di Acquisto Solidale), stimolando la sensibilizzazione al consumo di prodotti etici, solidali ed ecologici (cibi biologici, integratori e complementi alimentari, prodotti per l'igiene e la pulizia biodegradabili, ecc.);



Prestare ad altri quali Enti Pubblici o Privati, Associazioni, operatori sanitari qualificati, scuole pubbliche e private, società, la propria cooperazione per la realizzazione di iniziative culturali e progetti sociali conformi al proprio scopo;

Istituire un albo nazionale delle Estetiste con riconoscimento statale che possa tutelarle nei diritti e interessi.


Avvalersi di soci collaboratori esterni che possano promuovere le finalità e attività dell’associazione.

L’Associazione può organizzare diverse attività culturali, ricreative e ludiche a fine di utilità sociale, come trattenimenti per anziani e bambini, piccoli spettacoli spettacoli teatrali, pranzi e/o cene sociali, rassegne d’arte, feste, etc.
Ed inoltre:
Gli impianti, i servizi, le strutture, le attività promosse e organizzate dall’Associazione sono a disposizione di tutti i Soci i quali hanno il diritto di fruirne liberamente nel rispetto degli appositi regolamenti;

L’Associazione potrà gestire un locale bar-mensa riservato ai soli Soci dove gli stessi possono riunirsi per conversare, per svolgere attività ricreative e per partecipare attivamente alla vita sociale dell’Associazione;


L’Associazione può organizzare, elaborare e gestire corsi e seminari su tecniche artistiche, pittoriche e/o di artigianato, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, nonché mostre di pittura, di artigianato, di fotografia, di arti visive e grafiche web;


L’Associazione può realizzare attività legate alla conoscenza del proprio corpo attraverso il movimento, la musica e la danza (Musicoterapia e Danzaterapia) e organizzare e gestire corsi e seminari di educazione musicale;


L’Associazione può promuovere, applicare e svolgere discipline sportive e attività motorie per il benessere psico-fisico quali EFT (Emotional Freedom Techniques) e tecniche simili, Bioginnastica, Bioenergetica, Yoga, Reiki, Shiatsu, Ajurveda, ThetaHealing, Costellazioni Familiari, Astrologia,  Fitness, Stretching, Ginnastica dolce, Training Autogeno, Pilates, Qi Cong, etc. oltre a qualsiasi altra attività sportiva che non collida con lo Statuto e/o con le leggi vigenti;


L’Associazione può operare per proteggere, salvaguardare, soccorrere, assistere e riallocare gli animali randagi, abbandonati o maltrattati; può prevedere la realizzazione e la gestione, sia in proprietà che in affitto, di "rifugi" atti a ospitare animali rimasti senza protezione, sia prendendo in gestione "rifugi" già esistenti, sia fondandone di nuovi; può promuovere la Pet Therapy, pratica che prevede l'impiego di animali come supporto per migliorare lo stato di salute di persone con problemi e disagi psico-fisici (dall’handicap alla solitudine e all’emarginazione);


In considerazione della pluralità dei suoi fini e delle sue attività, L’Associazione può articolarsi in sezioni specializzate e gruppi di interesse (Comitati culturali, Gruppi di Studio, Enti di Ricerca), i cui compiti, i livelli di responsabilità, le norme di funzionamento delle sezioni specializzate, dei gruppi di interesse e degli altri organismi in cui si articola, possono essere stabiliti da appositi regolamenti tenendo conto della normativa vigente;


L’Associazione può organizzare, svolgere attività, elaborare e gestire corsi e seminari su tecniche estetiche naturali,  ricerca  di medicina naturale, medicina quantica e qualsiasi altra metodica sempre finalizzata alla divulgazione e conoscenza del ben-essere psico-fisico in collaborazione con figure mediche professionali, naturopati, estetiste, fisioterapisti, infermieri, OSS (operatori socio sanitari) che vogliano approcciarsi a nuove tecniche non convenzionali.

L'Associazione potrà inoltre svolgere qualsiasi altra attività culturale e ricreativa lecita a norma di legge e conforme alle norme dello Statuto, nonché svolgere e organizzare del volontariato per il benessere delle famiglie o delle persone disagiate e bisognose d’aiuto.

L’Associazione, se lo terrà necessario e dietro approvazione del C.D., potrà affiliarsi ad altri organismi quali Enti, Confederazioni, Onlus o quant’altro, che siano nazionali, europei o internazionali, allo scopo della stessa tutela dell’Associazione, nonché fondare insieme ad altri organismi, una confederazione perseguente gli stessi obiettivi e finalità del suddetto statuto. Resta inteso che i soci potranno usufruire, in forma gratuita, delle agevolazioni connesse con tali organismi. Sono Soci coloro che sottoscrivono la Tessera dell'Associazione, la quale deve essere rinnovata ogni anno.

ART. 5

I soci si dividono in:

FONDATORI: coloro che intervengono all’atto costitutivo.

ONORARI: coloro che sono nominati tali dal Consiglio Direttivo per particolari benemerenze, non sono tenuti a versare alcuna quota.

SOSTENITORI: coloro che pur non intervenendo all’atto costitutivo la sostengono nella stessa misura dei soci fondatori.

ORDINARI: coloro che sono ammessi dal Consiglio Direttivo.

BACCANALI: coloro che sostengono l’associazione in occasione di riunioni, ritrovi, convivi tra i soci attraverso la fornitura di bevande alcooliche e generi alimentari.


ART. 6 - AMMISSIONE


La domanda di ammissione, indirizzata al Presidente dell’Associazione e recante le generalità del richiedente, deve essere accettata dal Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo con giudizio insindacabile delibera sull'accettazione o sul rifiuto delle candidature, senza obbligo di motivazione. La quota sociale annuale dovrà essere versata entro il termine della sua scadenza e potrà essere aggiornata annualmente dal Consiglio Direttivo. Successivamente il socio assume la relativa qualifica, i diritti ed i doveri conseguenti. La qualifica di socio decade in assenza del pagamento della quota associativa. I soci morosi non hanno diritto di voto e non possono beneficiare delle iniziative dell’Associazione, fino a regolarizzazione della propria situazione contabile. La quota, o contributo associativo, non è trasmissibile ad altri. I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative, determinate annualmente dal Consiglio Direttivo, dai contributi di Enti, di privati, di associazioni, da oblazioni, lasciti, donazioni e dalle attività aventi lo scopo indicizzato al conseguimento delle finalità associative. La domanda di ammissione a Socio da parte di un minorenne, dovrà essere controfirmata da chi ne esercita la potestà, che si assume ogni responsabilità nei riguardi del socio minorenne. I Soci accettano  senza riserve, le norme statutarie e regolamentari e ne fanno proprie le finalità.
Possono divenire soci dell’Associazione coloro che ne facciano domanda al Consiglio
Direttivo con l'osservanza delle seguenti modalità:

per le persone fisiche dovranno essere indicati il nome, il cognome, la data ed il luogo di nascita, la professione e la residenza, l’autorizzazione all’Associazione per il trattamento di dati personali e/o sensibili, la motivazione alla base della richiesta di adesione;

per gli enti dovranno essere indicati la denominazione, la sede legale e quella amministrativa ed il legale rappresentante, l’autorizzazione all’Associazione per il trattamento di dati personali e/o sensibili, la motivazione alla base della richiesta di adesione; dovrà essere allegata copia dello statuto dell’ente nonché copia della delibera dell’organo statutario che ha previsto l’adesione;



alla domanda dovrà essere allegata, altresì, una dichiarazione del soggetto istante di attenersi a quanto stabilito nel presente statuto ed alle deliberazioni degli organi sociali;

alla domanda dovrà essere allegata una dichiarazione di impegno al versamento della quota associativa annuale in caso di ammissione.

All’atto della richiesta di ammissione il richiedente diventa a tutti gli effetti socio salvo la possibilità di non accettazione prevista. E’ espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. La presentazione della domanda di ammissione a Socio dà diritto a ricevere immediatamente la tessera sociale di Socio ordinario. Il Socio a cui è stata sospesa o ritirata la tessera, non potrà accedere ai locali ed ai servizi dell’Associazione. Tutti gli associati hanno il diritto di frequentare i locali dell’Associazione e di partecipare alla vita dell’Associazione, nonché a tutte le manifestazioni ed iniziative indette dall'Associazione con le modalità deliberate dal Consiglio Direttivo. Tutti gli associati hanno diritto a partecipare alle assemblee indette, ma i soci minorenni non hanno il diritto di voto.

I Soci sono tenuti:

Al pagamento della quota sociale annuale decisa dal C.D. che non è, al pari di eventuali liberi contributi, trasmissibile per cessione, successione o donazione;

All’osservazione dello Statuto e degli eventuali regolamenti interni.

A ciascun socio è consentito portare ospiti che avranno la nomina di Soci Visitatori, tenendo presente che a tali soci sarà concesso l’accesso in qualità di visitatori e a solo scopo conoscitivo, pertanto, non potranno usufruire dei servizi offerti dall’Associazione. Il socio che presenta l’ospite è garante dello stesso.

I Soci possono essere sospesi, espulsi o radiati per i seguenti motivi:

Per dimissione scritta;

Per motivi gravi che verranno preventivamente contestati all’interessato dal Consiglio Direttivo;



Per la divulgazione di notizie e quant’altro appreso attraverso l’Associazione;  

Qualora non ottemperino alle disposizioni del presente Statuto ed alle deliberazioni prese dagli organi sociali;

Qualora in qualche modo arrechino danni morali e materiali all’Associazione. Il Consiglio Direttivo potrà deliberare la richiesta di eventuali danni al socio. Le esclusioni, previa convocazione e audizione dell’interessato, saranno deliberate a maggioranza assoluta dei presenti alla riunione del Consiglio Direttivo sentito il parere non vincolante del tesoriere. I soci esclusi, al fine di poter tutelare i propri diritti, potranno ricorrere contro il relativo provvedimento solo alla prima assemblea ordinaria successiva alla delibera di esclusione, salvo casi di grave e comprovato impedimento di salute. La procedura di ricorso dovrà essere perfezionata esclusivamente mediante presentazione di lettera A.R. indirizzata al Presidente del Consiglio Direttivo. Solo i soci esclusi per morosità possono essere riammessi, presentando domanda scritta, previa estinzione di tutte le obbligazioni verso la Associazione, e preventivo assenso da parte del Tesoriere dell’Associazione.
 
Ed inoltre:
Sono eleggibili alle cariche sociali solo i Soci maggiorenni.  
L'Associazione è composta da: Soci Fondatori, Soci Sostenitori, Soci Ordinari, e Soci Onorari. La distinzione in categorie degli associati non influisce sul diritto di tutti gli associati di partecipare liberamente e attivamente alla vita dell'Associazione, in primis, ma non esclusivamente attraverso la partecipazione in assemblea.

Soci Fondatori sono coloro che hanno sottoscritto l'atto costitutivo dell'Associazione, e che dovranno far parte della struttura del C.D.



Sono Soci Sostenitori coloro che ne facciano domanda, impegnandosi in ciò a corrispondere la quota associativa di pertinenza. Gli enti potranno essere ascritti soltanto alla categoria dei Soci Sostenitori, salvo si tratti di Associazioni o di Cooperative di solidarietà sociale.

Sono Soci Ordinari tutti gli associati che non siano soci fondatori o soci sostenitori.



Sono Soci Onorari tutte  le persone invitate a far parte dell’Associazione da parte dell’Assemblea dei Soci, per particolari meriti professionali e scientifici.

La qualifica di socio è annuale e cessa dopo un anno dal momento dell’iscrizione. Tutti i soci possono rinnovare ogni anno la loro iscrizione senza alcun vincolo e, all'atto del rinnovo sono tenuti al pagamento della quota associativa.


ART.7 - DIMISSIONI DEI SOCI

I Soci possono dare le dimissioni dall’Associazione in qualsiasi momento purché non vi siano pendenti impegni economici assunti dall’Assemblea. Le dimissioni da Socio devono essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo. Il Socio dimissionario è tenuto alla restituzione della tessera dell’Associazione all’atto della presentazione delle dimissioni. Le dimissioni da organismi, incarichi e funzioni debbono essere espresse per iscritto al Consiglio Direttivo. In caso di dimissioni dal Consiglio Direttivo, subito dopo la ratifica da parte dell’organo stesso, spetta al Presidente dell’Associazione dare comunicazione al subentrante (o ai subentranti) delle variazioni avvenute.



ART. 8 - ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Gli organi dell’Associazione sono:

L’Assemblea dei Soci;
Il Presidente;
Il Vice Presidente
Il Consiglio Direttivo;
Il Segretario.


ART. 9 - L’ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Assemblea è composta da tutti i Soci maggiorenni in regola con i versamenti.

L’Assemblea ha i seguenti obblighi e diritti:

Elegge il Consiglio Direttivo. Le elezioni si terranno ogni tre anni, e devono essere indette con un preavviso di 21 giorni;
Approva il bilancio preventivo e consuntivo ed il rendiconto patrimoniale;
Approva il programma annuale e pluriennale di iniziative, di attività e di investimenti ed eventuali interventi straordinari;
Delibera la costituzione di sezioni di attività e di altri organismi e decide su eventuali controversie relative all’interpretazione di regolamenti e sulla loro compatibilità con i principi ispiratori dello Statuto;
Apporta le modifiche allo Statuto.

L’Assemblea sia ordinaria che straordinaria è regolarmente costituita con la presenza di metà più uno dei Soci iscritti all’Associazione. In seconda convocazione, l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei Soci presenti. La seconda convocazione dell’Assemblea deve aver luogo almeno un giorno dopo la prima. L’Assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo in via ordinaria almeno una volta l’anno, e in via straordinaria ogni qualvolta lo stesso lo ritenga necessario.
L’annuncio della convocazione dovrà essere comunicato ai Soci almeno 10 giorni prima, mediante avviso oppure con comunicazione epistolare o telefonica specificando la data, l’ora e la sede della riunione, nonché l’ordine del giorno in discussione. L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione. Le votazioni sull’argomento all’ordine del giorno, dirette e personali, possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto, qualora ne faccia richiesta 1/3 dei presenti. L’Assemblea per il rinnovo degli organi sociali dell’Associazione:

Stabilisce il numero dei membri del Consiglio Direttivo composto, di norma, da un minimo di tre membri, e sempre in numero dispari;
Elegge il Comitato elettorale per adempiere a tutte le operazioni di scrutinio dei voti;
Approva il regolamento per le elezioni stabilendo criteri che garantiscano i diritti della minoranza.

Le elezioni che si svolgono a scrutinio segreto, dovranno avere  modalità che favoriscano la partecipazione dell’intero corpo Sociale. Il Presidente dell’Assemblea comunica agli eletti i risultati delle elezioni e convoca entro 15 gg. il Consiglio Direttivo per la nomina delle cariche interne. Fino alla nomina delle nuove cariche resta in carica il Consiglio Direttivo uscente per l’ordinaria amministrazione.



ART. 10 – IL CONSIGLIO DIRETTIVO


Il Consiglio Direttivo:

Elegge tra i suoi componenti il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario;
Stabilisce il programma delle attività dell’associazione secondo gli scopi perseguiti dallo Statuto;
È responsabile degli atti amministrativi compiuti in nome e per conto dell’Associazione. Qualora durante il corso del mandato vengano a mancare uno o più componenti il Direttivo, l’Assemblea dei Soci potrà convocare una Assemblea Straordinaria, nei tempi stabiliti dalla stessa, per l’elezione del nuovo Direttivo;
Elegge il Presidente, che resta in carica almeno due anni;



ART. 11 - IL PRESIDENTE


Il Presidente:

Rappresenta l’Associazione nei rapporti esterni, personalmente o a mezzo dei suoi delegati;
Convoca e presiede il Consiglio Direttivo;
Il Presidente si preoccupa di dare esecuzione alle direttive assembleari ed alle delibere del Consiglio Direttivo;
Stipula atti inerenti l’attività dell’Associazione;
Viene sostituito, in caso di impedimento, di prolungata assenza o inadempimento degli obiettivi dell’Associazione, dal Vice Presidente, che dovrà convocare il Consiglio Direttivo, entro 12 giorni dall’esclusione del Presidente, per l’elezione del nuovo Presidente;
E’ tenuto a dare regolari consegne organizzative, finanziarie e patrimoniali al nuovo Presidente, entro 21 gg. dalla data delle elezioni.  
Le consegne devono risultare da apposito verbale (Verbale di Consegna) che deve essere portato a conoscenza del Consiglio Direttivo  e che alla prima riunione dovrà essere discusso.




ART. 12 – SEGRETARIO

Al Segretario spetta la gestione dei libri sociali della Associazione. E' suo compito quello di curare la pubblicità e la trasparenza all’interno dell'Associazione.
Egli assiste il Presidente nella seduta assembleare o consigliare, avendo cura di copiare, successivamente, tutti i verbali, rispettivamente, delle Assemblea dei Soci e del Consiglio Direttivo, raccogliendo le firme al termine della predisposizione.
Il segretario ha anche la funzione di Tesoriere.
Ha il compito di verificare periodicamente la contabilità amministrativa, il risultato di cassa e l’inventario dei beni mobili ed immobili e di redigere una relazione di presentazione dei bilanci, insieme al Presidente del C.D., all’Assemblea dei Soci.




ART. 13 - I REVISORI DEI CONTI

Il Collegio dei Revisori non è istituito all’atto della costituzione della presente Associazione. La nomina del primo Collegio avverrà, su proposta di almeno 1/2 dei Soci della Associazione, oppure su proposta della unanimità dei componenti del Consiglio Direttivo.
Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti.
I Revisori durano in carica per lo stesso periodo, sono eletti con le stesse modalità previste per i membri del Consiglio Direttivo.
I Revisori eleggono nel loro seno un Presidente che convoca e presiede le riunioni.
Il Collegio dei Revisori dei Conti ha il compito di verificare periodicamente la contabilità amministrativa, il risultato di cassa e l’inventario dei beni mobili ed immobili e di redigere una relazione di presentazione dei bilanci, insieme al Presidente del C.D., all’Assemblea dei Soci.
I Revisori effettivi partecipano alle riunioni del Consiglio Direttivo ed hanno solo voto consultivo.
   I Revisori dei Conti sono tenuti a verbalizzare i propri atti.



ART. 14 – PATRIMONIO

Il patrimonio dell'Associazione è costituito:

Dal patrimonio iniziale di cui l’Associazione è dotata dai soci fondatori;
Dalle quote ordinarie e straordinarie dei soci, come determinate dal Consiglio Direttivo che dovrà stabilire per i soci sostenitori quote superiori rispetto a quelle, di eguale importo, poste a carico dei soci ordinari e fondatori;
Dai contributi degli associati, di enti o istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici programmi, dell’Unione Europea e di organismi internazionali;
Dalle erogazioni liberali da chiunque provengano;
Dalle entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati o da iniziative promozionali finalizzate al finanziamento dell’Associazione;
Dai proventi delle cessioni di beni e di servizi agli associati ed a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
Da altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione e di utilità sociali;

Beni mobili e immobili dell’Associazione;


ART. 15 - BILANCI E RISULTATO DI GESTIONE

Il Segretario, entro il 30 Novembre di ogni anno, predispone un bilancio preventivo dell’Associazione per l’anno solare successivo e entro il 31 gennaio di ciascun anno predispone un bilancio consuntivo contenente il rendiconto economico-finanziario relativo all’anno solare precedente. La bozza dei bilanci predisposti dal Tesoriere deve essere approvata dal Consiglio Direttivo che può apportarvi qualsiasi modifica. I bilanci devono essere messi a disposizione dei singoli soci. I proventi delle attività dell’Associazione, quali utili, avanzi di gestione, fondi o riserve di capitale non possono in nessun caso essere divisi tra gli associati, neppure in forme indirette.
L’eventuale avanzo di gestione, utili nonché o capitale deve essere reinvestito a favore di attività istituzionali statutariamente previste e di quelle ad esse direttamente connesse, salvo diversa destinazione prevista dalla Legge Italiana. Le bozze dei bilanci approvati dal Consiglio Direttivo debbono essere trasmesse al Collegio dei revisori dei conti (qualora istituito), che deve predisporre una relazione contenente le valutazioni ed i giudizi dell’organo di controllo contabile dell’Associazione.
I bilanci devono essere sottoposti all’Assemblea per l’approvazione, mettendo a disposizione dei singoli soci copia della bozza di bilancio approvata dal Consiglio Direttivo e copia della relativa relazione del Collegio dei Revisori dei Conti almeno dieci giorni prima di quello dell’adunanza. Entro il 31 marzo di ciascun anno dev’essere sottoposto all’Assemblea il bilancio preventivo dell’anno in corso al momento dell’adunanza ed entro il 30 giugno di ciascun anno dev’essere sottoposto all’Assemblea il bilancio consuntivo dell’anno anteriore.

ART. 16 - MODIFICHE STATUTARIE

Il presente Statuto può essere modificato con decisione dell’Assemblea. In prima convocazione le variazioni sono approvate dalla maggioranza dei presenti purché questi rappresentino il 50% più uno del corpo Sociale. In seconda convocazione dalla maggioranza dei presenti all’Assemblea.


ART. 17 - ESERCIZI SOCIALI

L'esercizio sociale e l'esercizio finanziario coincidono con l’anno solare e pertanto iniziano il primo Gennaio e terminano il trentuno Dicembre di ciascun anno.



ART. 18 – SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE


Lo scioglimento dell’Associazione potrà essere effettuata solo dal Presidente dell’Associazione stessa. Nel caso in cui il Presidente dovesse venire a mancare per eventi estranei a lui, lo scioglimento dell’Associazione potrà avvenire solo in base a delibera dell’Assemblea dei soci, purché questi rappresentino almeno il 50% più uno del corpo associativo. In caso di scioglimento dell’Associazione il patrimonio dovrà essere devoluto ad una associazione o ente o altro organismo, scelto dall’Assemblea, avente fini analoghi a quelli dell’Associazione stessa, salvo diversa destinazione prevista dalla Legge Italiana. La scelta del beneficiario è deliberata dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo, con la maggioranza qualificata prevista per lo scioglimento dell’Associazione.


ART. 19 - NORME FINALI

La vita dell'Associazione è retta dal presente statuto che si da per accettato da tutti i soci fin dalla domanda di ammissione. In via residuale rispetto allo Statuto potranno trovare applicazione le norme contenute nel codice civile o le norme contenute nello Statuto Nazionale dell’Associazione affiliante.


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu google-site-verification=aTID7OUHwg_nEM36_8y3cQ64l4bEIAlSAHVXPhuigCg